SIAMO APERTI E OPERATIVI! Prenota adesso il tuo appuntamento e vieni a trovarci risparmiando tempo!

MEDAGLIA DI SAN ROCCO
Medaglie Religiose in oro e in argento

Il culto di san Rocco è popolarissimo da secoli in Europa e non solo. Lo si invocava contro la peste, malattia che non lasciava scampo e che a più riprese si diffuse per contagio nel "vecchio continente" mietendo milioni di vittime. I recenti aggiornamenti liturgici gli riconoscono pure il patronato contro le altre malattie contagiose, AIDS compresa.

È invocato nelle campagne contro le malattie degli animali e  le catastrofi naturali, visto il suo carisma di guarigione e l'uso che aveva - conformemente al suo carisma - di invocare la protezione di Dio sui luoghi che toccava, prima di lasciarli. È patrono pure degli invalidi, dei prigionieri e degli emarginati, per aver provato le stesse situazioni quand'era in vita.

La sua popolarità rimane ancora ben viva, tanto che - sia in Italia che all'estero - è patrono di numerosi paesi, e diverse località portano il suo nome.


san rocco
 

La medaglia di S. Rocco che potrete trovare nella nostra vetrina online riporta l'iconografia del santo vestito da pellegrino con un cane raffigurato accanto, il cane perchè simbolo della fedeltà alla chiamata divina e perché si rifà ad un episodio particolare della vita del santo, dove nella famosa pausa a Piacenza esso si ammalò di peste e si isolò in una capanna nei pressi di un bosco. Un cane gli portava il pane(simbolo di eucarestia) prelevandolo dalla mensa del suo padrone(Gottardo), salvando dalla morte per fame il santo.

La medaglia è realizzata in oro 18kt,la sua forma è rotonda ed è fatta con il metodo dell'incisione a conio, satinata al centro e lucida nei contorni, rifinita proprio come un gioiello da indossare, per coloro che con fede desiderano indossarla, o semplicemente per fare un dono speciale e originale ai vostri cari devoti.





Significato iconografico

Nella schiera fra santi e beati, San Rocco spicca per gli attributi inconfondibili che connotano la sua vita di apostolato fra i malati (eccone alcuni, i più comuni) Il cane; il pane; il bastone; la piaga; la conchiglia e la tavoletta.

Il cane per San Rocco, sopra citato, simboleggia la divina provvidenza che lo soccorreva  nelle condizioni di bisogno estremo. È simbolo della sua fedeltà alla chiamata divina.

Il pane (sempre legato all’episodio del cane) fu sostegno nella famosa pausa a Piacenza dove San Rocco si isolò in una capanna nei pressi di un bosco, poiché malato di peste. Un cane gli portava l’alimento prelevandolo dalla mensa del suo ricco padrone (Gottardo). È il simbolo dell’eucarestia, sostegno nel cammino della vita.

Il bastone simbolo di carità cristiana è anche simbolo inequivocabile delle lunghissime marce di pellegrinaggio, con cui esercitò la carità in modo insigne ed eroico, guarendo piaghe fisiche e morali. Simbolo del pellegrinaggio della vita, un cammino verso l’eterno.

La piaga ricorda invece il morbo della peste che il santo incontra a Piacenza. La carità non è un donarsi con parsimonia ma totalmente.

La conchiglia ci ricorda il pellegrinaggio di San Rocco a Santiago. Ogni pellegrino che si recava in Golizia prelevava dalla spiaggia una conchiglia segno dell’avvenuto pellegrinaggio.

Infine abbiamo la tavoletta, memoria della scena agiografica in cui si ricorda della grazia chiesta nel momento della morte da S. Rocco. È simbolo della comunione dei santi e quindi della preghiera di intercessione.




Vita di S. Rocco


Le notizie relative a S. Rocco, riguardo la sua vita, sono molto frammentarie per poterci permettere di costruire una biografia in piena regola, ma grazie  ai molti studi effettuati, è comunque possibile tracciare a grandi linee il profilo del nostro santo. S. Rocco è nato a Montpellier (in francia) fra il 1345 e il 1350 ed è morto a Voghera fra il 1376 ed il 1379, molto giovane a non più di 32 anni di età.

Secondo tutte le biografie esistenti i genitori Jean e Libère De La Croix, erano una coppia di esemplari virtù cristiane, ricchi e benestanti ma dediti ad opere di carità. Rattristati dalla mancanza di un loro figlio rivolsero continue preghiere alla Vergine Maria dell’antica chiesa di Notre-Dame Des Tables fino ad ottenere la grazia chiesta. Secondo la pia devozione il bambino venne alla luce con una croce vermiglia impressa sul petto. Intorno ai 20 anni di età perse entrambi i genitori e lui decise di seguire cristo fino in fondo: vendette tutti i suoi averi, si affidò all’ordine Francescano, e indossato il saio iniziò il suo pellegrinaggio; bastone, mantello, cappello, borraccia e conchiglie sono i suoi ornamenti; la preghiera e la carità la sua forza.

Nel 1367 esso si reca ad Acquapendente (provincia di Viterbo) dove presta soccorso alle sventurate vittime della peste. L’arrivo a Roma è databile intorno al 1368 dove all’ospedale del Santo Spirito si compie il famoso miracolo di San Rocco: la guarigione di un cardinale, liberato dalla peste dopo aver tracciato sulla sua fronte una croce (lo stesso cardinale, una volta guarito lo presentò al pontefice).

Nel 1371 a Piacenza dopo aver aiutato la popolazione a guarire dalla peste, si accorge di aver contratto lui stesso la malattia e si rifugia così in una capanna nei pressi di un bosco; qui  un cane (simbolo dell’iconografia di S. Rocco) lo trova e lo salva dalla morte della fame portandogli ogni giorno  un tozzo di pane, finchè il suo padrone seguendolo  scopre il rifugio del santo e decide di prenderlo in cura fra le mura del suo alloggio.

Gli ultimi anni del santo non sono verificabili, ma la leggenda ci riporta che S. Rocco  sia morto a Montpellier. Mentre stava facendo ritorno a casa, viene arrestato come persona sospetta (complicate vicende del tempo) e condotto a Voghera di fronte  al governatore. Interrogato non volle  rivelare (per il voto fatto) il suo nome, dicendo solo di essere “un umile servitore di Gesù Cristo” con il risultato che fu gettato in prigione prendendolo per pazzo, dove vi trascorse cinque anni.

Quando S.Rocco sentì che la morte lo stava per sopraffare chiese al carceriere di condurre lì un sacerdote; si verificarono allora alcuni eventi prodigiosi, che indussero i presenti a chiamare il governatore, ma quando la porta della cella fu aperta S.Rocco era già morto: probabilmente era il 6 agosto fra il 1376 e il 1379.

Il concilio di Costanza nel 1414 lo invocò santo per la liberazione dall’epidemia della peste.




San Rocco protettore

È invocato contro le epidemie, sia degli uomini, sia degli animali e contro le catastrofi naturali in genere. È spesso rappresentato in abito da pellegrino, mentre cura gli ammalati, o mostra lui stesso la gamba con il bubbone della peste; spesso accompagnato nell’iconografia da un  fedele cane che gli salvò la vita; inoltre riguardo questo episodio della vita di San Rocco, oggi il Santo è anche considerato il protettore dei cani.


Preghiera di San Rocco

"Glorioso S. Rocco, che per la vostra generosità nel consacrarvi al servizio degli appestati e per le vostre continue orazioni vedeste cessare la pestilenza e guarirne tutti gli infetti in Acquapendente, in Cesena, in Roma, in Piacenza, in Montpellier, in tutte le città della Francia e dell'Italia da voi percorse, ottenete a noi tutti la grazia di essere per la vostra intercessione costantemente preservati da un flagello così spaventoso e così desolante."
Gloria.

Glorioso S. Rocco, che colpito da morbo pestilenziale nell'atto di servire ad altri infermi, e, posto da Dio alla prova de' più spasmodici dolori, domandaste ed otteneste di essere posto lungo la strada, indi da quella scacciato, fuori della città vi ricoveraste in povera capanna, ove da un Angelo vennero risanare le vostre piaghe e da un cane pietoso ristorata la vostra fame, recandovi ogni giorno un pane tolto alla mensa del suo padrone, Gottardo, ottenete a noi tutti la grazia di soffrire con inalterabile rassegnazione le infermità, le tribolazioni, le disgrazie tutte di questa vita, aspettando sempre dal cielo il necessario soccorso.

Fonte ispiratrice www.cartantica.it

autore Don Damiano Grenci


 
← TORNA ALLA PAGINA MEDAGLIE RELIGIOSE


 

..oppure... dai un'occhiata a tutti i prodotti presenti nel nostro Web Store