SIAMO APERTI E OPERATIVI! Prenota adesso il tuo appuntamento e vieni a trovarci risparmiando tempo!

MEDAGLIA DI SANTA CHIARA
Medaglie Religiose in oro e in argento


Santa Chiara al tempo, Chiara Scifi (1193-1253) è stata una religiosa italiana, collaboratrice di s. Francesco e fondatrice delle monache Clarisse. Dichiarata Santa da Papa Alessandro IV nel 1255. Il 17 febbraio 1958 venne dichiarata da Papa Pio XII santa patrona della televisione, delle telecomunicazioni e delle coccinelle. Il coccinellismo è nato come metodo educativo simile al lupettismo, ma con un ambientazione più adatta ad una bambina.

La scelta della coccinella venne da padre Adriano Ruggi d’Aragona, in quanto in molti paesi la coccinella è simbolo di fortuna  e in alcune leggende è legata alla Madonna, tanto da essere chiamata “l’insetto della Signora”. Inoltre è di particolare importanza per le coccinelle la figura di S. Francesco, ma ancora di più quella di S. Chiara.

Nella nostra vetrina online potrete trovare la meravigliosa medaglia di Santa Chiara, realizzata in oro 18kt,la forma è rotonda ed è fatta con il metodo dell'incisione a conio, satinata al centro e lucida nei contorni, rifinita proprio come un gioiello da indossare, per coloro che con fede desiderano indossarla, o semplicemente per fare un dono speciale e originale ai vostri cari devoti .




Significato iconografico


santa chiara
 

Santa Chiara viene spesso rappresentata nell’iconografia con il simbolo dell’eucarestia, poiché avrebbe salvato, secondo la tradizione religiosa, il convento da un attacco da parte dei saraceni nel 1240; secondo la leggenda i saraceni erano alle porte di Assisi e  stavano assediando San Damiano.

Chiara allora avrebbe preso l’ostensorio, esponendolo alla finestra, una luce accecante si scaturì spaventando i saraceni che fuggirono dal convento di Assisi e quando Papa Gregorio IX le fece visita in convento e le chiese di Benedire il pane, sopra di quest' ultimo comparve una Croce.



Vita di Santa Chiara

Assisi vanta di aver dato i natali ad un altro personaggio che insieme a S. Francesco ha significato molto nella storia e nella vita della città e questa figura molto importante è S.Chiara, nata da una nobile famiglia nel 1194. La madre la vigilia  del parto si recò nella cattedrale di San Ruffino e sentì una voce che le predisse: “ Donna, non temere, perché felicemente partorirai una chiara luce che illuminerà il mondo.” La bambina fu chiamata di conseguenza all’accaduto, Chiara, e battezzata in quella stessa chiesa.

Il 18 Marzo 1212 (la notte dopo la domenica delle palme), all’età di 18 anni Chiara, affascinata dal mondo spirituale di S. Francesco, scappa di casa per recarsi di nascosto alla Porziuncola dove era attesa da S.Francesco e i suoi frati. Qui il santo la vestì del saio francescano, le tagliò i capelli consacrandola alla penitenza e la condusse presso le suore benedettine di S.Paolo a Bastia Umbra, dove il padre inutilmente tentò di persuaderla a far ritorno a casa.

Consigliata da S. Francesco si rifugiò nella chiesa di S. Damiano, che divenne la casa madre di tutte le sue consorelle chiamate inizialmente “ Povere Dame recluse di S. Damiano” e dopo la morte della santa vennero chiamate “Clarisse”. Qui visse per 42 anni, quasi sempre inferma perché malata, iniziando alla vita religiosa molte sue amiche compresa la madre Ortolana e le due sorelle Agnese e Beatrice. La sua grande personalità non passò inosservata, la fermezza di carattere, la dolcezza del suo animo, il modo di governare la sua comunità con la massima consapevolezza ed umiltà, indussero molti papi a stimarla e porle visita.

L’11 agosto 1253 Chiara muore, officiata dal Papa che volle cantare per lei non l’ufficio dei morti, ma quello festivo delle vergini.




Preghiera a Santa Chiara

“O ammirabile Santa Chiara,
per quello spirito di penitenza che Vi indusse
a far Vostra particolare delizia
il digiuno più severo,
la povertà più rigorosa,
le mortificazioni più penose,
la privazione di tutti i beni,
la sofferenza di tutti i mali,
per consacrarVi intieramente
all'amore di Gesù Cristo
nell'Ordine da Voi Istituito,
dietro la direzione
del Vostro serafico Padre S. Francesco,
di cui vestiste così bene lo spirito
nell'abbracciarne l'abito e la regola,
impetrate a noi tutti
la grazia di preferire sempre
l'umiliazione alla gloria,
la povertà alle ricchezze,
la mortificazione ai piaceri,
al fine di essere non solo di nome,
ma anche di fatto,
fedeli discepoli di Gesù Cristo.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.”


(fonte ispiratrice Wikipedia)


 
← TORNA ALLA PAGINA MEDAGLIE RELIGIOSE
 

..oppure... dai un'occhiata a tutti i prodotti presenti nel nostro Web Store